Giovedì, Ottobre 06, 2022

Disabile ha diritto al parcheggio in condominio?

parcheggio disabili condominio

La delibera che nega al condomino disabile un posteggio riservato all'interno del parcheggio condominiale è da ritenersi nulla

 

La fattispecie nasce dalla richiesta di un condomino, portatore di handicap, il quale chiedeva il suo condominio che gli fosse assegnato un posto riservato auto nel cortile condominiale.

Durante l'assemblea di condominio che veniva svolta in proposito, la richiesta non veniva accolta. Il condomino disabile per tutta risposta ha deciso di rivolgersi al tribunale per l'accertamento della nullità della delibera assembleare assunta quindi dal condominio

A sostegno della sua tesi il condomino chiedeva una corretta interpretazione dell'articolo 1102 c.c. insieme anche agli articoli 32, 2, 3, 42 della Costituzione.

 

In condominio un disabile può avere un posteggio privato?

 

Inoltre egli era pronto a dare la propria disponibilità per quanto riguardava la possibilità di condividere il posto auto con eventuali altri condomini disabili all'interno dello stabile.

Alla domanda veniva allegata anche idonea documentazione medica, il contrassegno di circolazione e sosta per i disabili che è stato rilasciato dall'autorità competente.

 

Il condominio resisteva a questa azione legale perché riteneva che la domanda del condomino disabile non poteva essere accolta in quanto consisteva di fatto nell’assegnazione di un posto in via esclusiva.

Sul punto si richiama la consulenza attinente all'argomento: Inammissibile l'uso esclusivo delle parti comuni

 

. Il condominio aveva portato, inoltre, in giudizio la documentazione attestante che l'attore dell'azione era anche proprietario di un box situato all'interno dello spazio condominiale e poteva, inoltre, contare su un parcheggio pubblico confinante con quello condominiale..

All'interno di questo parcheggio pubblico erano stati previsti dei posti auto riservati ai disabili. .

 

Il tribunale al termine di un procedimento volto a verificare le ragioni delle parti faceva pendere la bilancia a favore del condomino disabile. .

Il giudice di primo grado osservava che:

 

"l'interesse del portatore di handicap ad ottenere, nell'ambito del cortile condominiale, un posto auto da riservarsi ai disabili è ricollegabile al diritto inviolabile ad una normale vita di relazione, tutelato dall'articolo 2 della Costituzione, ed al diritto alla salute ex articolo 32 della Costituzione stessa".

 

Parcheggio esclusivo per il condomino disabile?

 

Lo stesso giudice proseguiva nella sua sentenza chiarendo che:

" nel caso di specie, il detto invocato diritto dell'attore-, portatore di handicap con capacità di deambulazione sensibilmente ridotta- di poter parcheggiare il più vicino possibile all'ingresso condominiale e cioè in uno dei 7 stalli ricavati nel cortile, deve considerarsi preminente rispetto all'interesse degli altri condomini, per i quali non sono state dedotte analoghe difficoltà; E che, infatti, possono comunque godere di altri 6 stalli,"

oltre che del parcheggio pubblico limitrofo e dei box di proprietà esclusiva.

 

La conseguenza quindi è stata che il tribunale ha dichiarato nulla la delibera èd ha ordinato ai condomini di riservare uno dei posti auto all'interno del cortile condominiale al condomino portatori di handicap, ovviamente fino a quando la sua situazione di invalidità persisterà.

 

 

Hai trovato utile questa consulenza? Sostieni la nostra attività con una libera donazione! :)
(clicca su immagine sottostante)
donazione studio fiasconaro

 

 

 

 

 

Lascia un tuo commento:

ATTENZIONE:
Da Ottobre 2016 tutti i commenti aventi ad oggetto un quesito saranno considerati come "Consulenza Gratuita" secondo le regole che potete consultare nel menù "Consulenze -> Fai la tua Domanda".
Se avete bisogno di una "Consulenza certificata" potrete richiederla sempre secondo le regole indicate nel menù "Consulenze -> Fai la tua Domanda".
Grazie!

Comments:

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Le ultime sentenze sul condominio

  • Quali volumi edilizi non possono ritenersi “tecnici”
  • Differenza fra “pergolato” e “tettoia”
  • Preliminare e provvigione agente immobiliare
  • Per la Cassazione gridare di notte è reato

N. 00357/2015REG.PROV.COLL.

N. 04109/2006 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Consiglio di Stato

in sede giurisdizionale (Sezione Quarta)

ha pronunciato la presente

SENTENZA

Read More

N. 00825/2015REG.PROV.COLL.

N. 05739/2013 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Consiglio di Stato

in sede giurisdizionale (Sezione Sesta)

ha pronunciato la presente

SENTENZA

Read More

Civile Sent. Sez. 3 Num. 923 Anno 2017 Presidente: SPIRITO ANGELO Relatore: VINCENTI ENZO Data pubblicazione: 17/01/2017

SENTENZA

sul ricorso 18090-2011 proposto da: CARDINALE CLAUDIA ( Omissis

Read More

Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza 26 ottobre 2016 – 14 febbraio 2017, n. 6882 Presidente Carcano – Relatore Rosi Ritenuto in fatto 1. Con sentenza del

Read More
Betting site http://pbetting.co.uk more info for Paddy Power Offers

Il sito Studio Fiasconaro utilizza i cookies per offrire i propri servizi semplici e efficienti agli Utenti durante la consultazione delle sue pagine. Per avere maggiori informazioni clicca sul link "privacy policy". Cliccando su "Agree" si accettano i cookie ed il messaggio non comparirà più. Cordiali saluti. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information