Mercoledì, Aprile 26, 2017

Dubbi sulla prescrizione dei debiti condominiali

Botta & Risposta

Domanda:

Nel condominio in cui abito, nel 2006 sono stati deliberati dei lavori di ristrutturazione, terminati poi nel 2008. Nel 2010 ho venduto il mio appartamento e nel 2014 l'impresa ha richiesto il mancato pagamento di una fattura relativa a quei lavori. Considerando che i debiti si prescrivono dopo cinque anni, che succede nel caso che ho appena descritto? Chi è tenuto eventualmente al pagamento dei debiti?

Utente: mariano

 

Risposta:

Salve,
essendo stata approvata la delibera per i lavori di ristrutturazione nel 2006, i debiti ad essi relativi sono entrati in prescrizione nel 2011: da quel momento, quindi, nulla può più essere richiesto. Tutto ciò a patto che, nel frattempo, non siano intervenute delle azioni volte a sospendere il decorso prescrizionale (come ad esempio lettere di messa in mora, oppure diffide ad adempiere).

Cordiali saluti,

Amm. Fiasconaro Nicolas

 

Botta & Risposta

Domanda:

Mi scusi, ma ho ancora qualche dubbio. Se il debito per il condomino si prescrive dopo 5 anni, mentre per l'impresa che ha eseguito i lavori si prescrive dopo 10 anni, chi sarà responsabile del pagamento?

Utente: mariano

 

Risposta:

Salve,
quello di cui stiamo discutendo è l'ambito condominiale. Infatti, i cinque anni si riferiscono alla prescrizione dei debiti condominiali, ovvero quelli dei singoli condomimi verso il condominio. In tale situazione, chi agisce per la riscossione dei crediti (e quindi successivamente provvede al pagamento dei debiti verso terzi) è l'amministratore, essendo lui ad aver appaltato dei lavori, ovviamente dietro delibera assembleare. Dunque lui dovrebbe, entro cinque anni dalla delibera di approvazione dei lavori, richiedere tali somme ai singoli condomini, emettendo eventualmente anche decreti ingiuntivi.

Nel caso in cui l'Amministratore sia inerte e dunque il credito non venga assolutamente richiesto entro questi cinque anni, dopo non potrà più agire nemmeno con decreti ingiuntivi sui singoli condomini in quanto nulla potrà richiedere. Quindi l'azienda, che ha un credito verso l'intero condominio, perderà le sue somme proprio perché nulla è stato fatto in tempo. 

L'impresa che non è stata pagata può agire direttamente ed in tal caso la prescrizione è ordinaria, quindi di dieci anni. In questo caso però si parlerebbe di azione diretta e privata, che non coinvolgerebbe l'intero condominio. L'impresa, quindi, ad oggi non potrà chiedere all'Amministratore di agire per lei (e quindi lui non potrà richiedere il pagamento delle somme ai singoli condomini secondo il preventivo riparto), ma dovrà andare in giudizio e procedere autonomamente, come privato o comunque società, contro un privato (ovvero singolarmente contro ciascun condòmino). Tutto ciò che accadrà quindi non avrà rilevanza condominiale, ma esclusivamente privata.

Cordiali saluti,

Amm. Fiasconaro Nicolas

Comments:

Aggiungi commento

ATTENZIONE:
Da Ottobre 2016 tutti i commenti aventi ad oggetto un quesito saranno considerati come "Consulenza Gratuita" secondo le regole che potete consultare nel menù "Consulenze -> Fai la tua Domanda".
Se avete bisogno di una "Consulenza certificata" potrete richiederla sempre secondo le regole indicate nel menù "Consulenze -> Fai la tua Domanda".
Grazie!


Codice di sicurezza
Aggiorna

Come Amministriamo?

    • Amministrazione condominiale ed immobiliare
      Secondo le normative vigenti in materia condominiale ed immobiliare
    • Creazione sito web condominiale
      Accesso ai condomini ad aree private specifiche
    • Pubblicazione pezze di appoggio online 
      Tutte le pezze di appoggio verranno pubblicate per una trasparenza totale o stampate su richiesta
    • Revisione contratti
      Revisione dei contratti stipulati con ditte/fornitori per ottenere un maggiore risparmio
    • Fondi vari
      Creazione di fondo morosità e fondo imprevisti per garantire la continuità amministrativa

Le ultime sentenze sul condominio

  • Quali volumi edilizi non possono ritenersi “tecnici” ∨
  • Differenza fra “pergolato” e “tettoia” ∨
  • Preliminare e provvigione agente immobiliare ∨
  • Per la Cassazione gridare di notte è reato ∨

N. 00357/2015REG.PROV.COLL.

N. 04109/2006 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Consiglio di Stato

in sede giurisdizionale (Sezione Quarta)

ha pronunciato la presente

SENTENZA

… Read More

N. 00825/2015REG.PROV.COLL.

N. 05739/2013 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Consiglio di Stato

in sede giurisdizionale (Sezione Sesta)

ha pronunciato la presente

SENTENZA

… Read More

Civile Sent. Sez. 3 Num. 923 Anno 2017 Presidente: SPIRITO ANGELO Relatore: VINCENTI ENZO Data pubblicazione: 17/01/2017

SENTENZA

sul ricorso 18090-2011 proposto da: CARDINALE CLAUDIA ( Omissis

… Read More

Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza 26 ottobre 2016 – 14 febbraio 2017, n. 6882 Presidente Carcano – Relatore Rosi Ritenuto in fatto 1. Con sentenza del

… Read More

Circuito pubblicitario Studio Fiasconaro

Betting site http://pbetting.co.uk more info for Paddy Power Offers

Il sito Studio Fiasconaro utilizza i cookies per offrire i propri servizi semplici e efficienti agli Utenti durante la consultazione delle sue pagine. Per avere maggiori informazioni clicca sul link "privacy policy". Cliccando su "Agree" si accettano i cookie ed il messaggio non comparirà più. Cordiali saluti. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information